lunedì 26 giugno 2017

Vela: 30 barche iscritte, al via la Palermo-Montecarlo

PALERMO - Al via il 21 agosto da Mondello la XIII edizione della Palermo-Montecarlo, la regata velica d'altura, divenuta punto di riferimento per il calendario velico estivo nazionale e internazionale. "Sono particolarmente soddisfatto e onorato - spiega Agostino Randazzo, presidente del Circolo della Vela Sicilia - di avere al nostro fianco in questa tredicesima edizione, la Fondazione Terzo Pilastro presieduta da Emmanuele Francesco Maria Emanuele. La nostra regata ha l'ambizione di unire all'aspetto prettamente sportivo, elementi che rimandano alla cultura, alla tradizione, all'arte, ai giovani, temi cari tanto alla nostra regione che al principato monegasco e alla Fondazione Terzo Pilastro. Va da sé che questa collaborazione non può che essere una perfetta sinergia di intenti".

A oggi, sono oltre trenta le barche iscritte alla regata organizzata dal Circolo della Vela Sicilia con lo Yacht Club de Monaco e la collaborazione dello Yacht Club Costa Smeralda. Dopo l'annuncio di Lucky (Raichel-Puig 63'), è arrivata l'iscrizione di Malizia II, il Mono60 con foil (Classe Imoca 60) di Pierre Casiraghi che difenderà i colori dello Yacht Club de Monaco.

Share:

sabato 24 giugno 2017

Moby: nuovo cargo sulla tratta Olbia-Livorno

OLBIA - Il traffico merci fra Olbia e Livorno si arricchisce di una nuova nave. Il gruppo Onorato ha inaugurato  il Superfast Baleares, un mezzo cargo capace di raggiungere la velocità di 27 nodi con una capienza massima di 3.500 metri lineari di carico, tre chilometri e mezzo di merce distribuita su tre piani. "Sarà una nave velocissima e grandissima - spiega Achille Onorato, amministratore delegato di Moby Line - la Superfast Baleares è il mezzo più grande che abbia mai servito la Sardegna per le merci. Vogliamo continuare ad investire nell'Isola e per l'Isola e lo stiamo dimostrando con i fatti. Queste non sono chiacchiere".

La Superfast Baleares è lunga 210 metri, ha quattro garage tutti accessibili da rampe fisse, una capacità che raggiunge i 220 semi rimorchi, con 200 allacci frigo e 4 motori. La nave, battente bandiera portoghese, è stata noleggiata dalla compagnia spagnola Transmediterranea. Da questa sera alle 20.30 affiancherà il traghetto Pietro Manunta, inaugurato un anno fa, e consentirà di soddisfare le sempre crescenti esigenze di trasporto merci sulla rotta Olbia-Livorno. In occasione della stagione estiva Moby, oltre alla Superfast che resterà in linea tutto l'anno, ha messo in campo un ulteriore mezzo dedicato al trasporto di derrate alimentari. Una scelta che consentirà la disponibilità di maggiore spazio da destinare al traffico passeggeri sule altre navi Moby. 
Share:

giovedì 22 giugno 2017

Confitarma: ecco il nuovo consiglio federale

GENOVA - L'assemblea di Confitarma, al termine dell'approvazione del bilancio e della relazione annuale, ha eletto i membri del nuovo consiglio federale degli armatori italiani per il triennio 2017-2019. Trenta nomi che si affiancheranno a quello di Emanuele Grimaldi, attuale presidente, dei past president Aldo Grimaldi, Paolo Clerici, Nicola Coccia e Paolo D'Amico e di Andrea Garolla, presidente del Gruppo giovani armatori. La partita della nomina del nuovo presidente resta ancora aperta.

Oggi la commissione designazioni ha concluso le consultazioni fra gli associati e il nuovo consiglio si riunirà nelle prossime settimane per votare a scrutinio segreto il nominativo del presidente da proporre all'assemblea.

I consiglieri eletti oggi sono Mariella Amoretti, Claudio Baccichetti, Riccardo Baratozzi, Federica Barbaro, Luca Bertani, Raffaele Brullo, Paolo Cagnoni, Carlo Cameli, Matteo Catani, Andrea Clavarino, Francesco D'Alesio, Angelo Damato, Giovanni Dellepiane, Alessandra Grimaldi, Guido Grimaldi, Domenico Ievoli, Manfredi Lefebvre d'Ovidio, Beniamino Maltese, Lorenzo Matacena, Mario Mattioli, Stefano Messina, Vittorio Morace, Franco Napp, Corrado Neri, Valeria Novella, Giuseppe Mauro Rizzo, Alcide Ezio Rosina, Fabrizio Vettosi, Barbara Visentini e Luca Vitiello.
Share:

mercoledì 21 giugno 2017

Bari e Durazzo, collaborazione per potenziare scambi portuali

BARI - "L'avvio di un tavolo intergovernativo per una fattiva collaborazione volta allo snellimento delle procedure e al potenziamento logistico, al fine di agevolare i flussi di merci e passeggeri tra il Porto di Durazzo e quello di Bari, pur nel mantenimento di tutti gli obblighi di sicurezza per entrambe le parti". Si tratta del punto d'intesa, informa una nota della Regione Puglia, i partecipanti all'incontro su 'Metodologie e strumenti per ottimizzare i controlli di persone, mezzi e merci nel Porto di Bari', che si è svolto nella sala della giunta regionale.

L'incontro, si precisa nella nota, "ha riunito i vertici delle istituzioni e delle Autorità pugliesi referenti per la materia, per affrontare problematiche relative allo snellimento delle procedure logistiche, doganali e di sicurezza nel porto di Bari, soprattutto in relazione alle previsioni di aumento del volume di traffico, tra l'altro già intenso durante tutto l'anno, nei prossimi mesi estivi". Sono intervenuti il "presidente dell'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale, l'Autorità portuale del Levante, l'Agenzia delle dogane, la Capitaneria di porto di Bari, la Guardia di finanza di Bari, la Polizia di Stato e di Frontiera, la Direzione centrale dell'Immigrazione e l'Usmaf-Sasn di Bari per la parte pugliese, l'Ufficiale di collegamento della Polizia albanese ed il Consolato d'Albania a Bari per la parte albanese".
Share:

lunedì 19 giugno 2017

Grandi Navi: a Venezia referendum popolare, stravince il no

VENEZIA - "Un successo senza precedenti": è Marta Canino ad esultare per la risposta di Venezia al referendum popolare contro le grandi navi in laguna indetto oggi in città. Il quesito della scheda riportava: "vuoi che le navi da crociera restino fuori dalla Laguna di Venezia e che non vengano effettuati nuovi scavi all'interno della Laguna stessa?". La risposta dei veneziani è stata plebiscitaria: i gazebi allestiti dalle 9 alle 18 sono stati letteralmente presi d'assalto, con code sin dal primo mattino. In questo momento, a seggi virtualmente chiusi, vi sono ancora file di persone ai banchetti e le 25 mila schede stampate per il referendum sono andate esaurite.
Share:

venerdì 16 giugno 2017

Traghetti, la Corsica ricorda Pascal Lota

GENOVA - Un intero giorno in onore di Pascal Lota. Una nave, un viale e il “profilo di un moro” per ricordare l’Armatore corso fondatore della Corsica Line. Tutto ha inizio nella primavera del 1968: la Francia è paralizzata da continui scioperi e la Corsica rischia il completo isolamento; è in questo clima di rivolta sociale, politica e filosofica che Pascal Lota, corso fiero e tenace e poco più che trentenne, ha la geniale intuizione di annullare il problema francese passando dall'Italia. Fonda, quindi, la Corsica Line e mette in linea la M/N Corsica Express, con una capacità di 600 passeggeri e 60 autoveicoli: la prima nave privata a collegare l’Italia con la Corsica.

Pochi anni dopo la Compagnia diviene Corsica Ferries e ai collegamenti con lo stivale si aggiungono quelli con la Francia. Nel 1981 nasce il marchio Sardinia Ferries, che collega la Sardegna al Continente e a metà degli anni novanta si aggiunge il brand Elba Ferries, che dal 2012 è tornato ad operare sulla linea Piombino/Portoferraio, nella stagione estiva. La tredicesima nave della flotta di Corsica Sardinia Ferries, intitolata all’Armatore corso, ha da poco fatto il suo debutto nel Mediterraneo.

La nuova Ammiraglia è stata inaugurata nel porto di Bastia, alla presenza di Autorità e Media, Ad un anno dalla scomparsa dell’Armatore corso, avvenuta nel gennaio 2016, la città di Bastia ha deciso di intitolargli una parte del lungo viale che costeggia il porto, quella che si trova davanti al grande edificio che ospita la sede della Compagnia. Il vialeè stato tenuto a battesimo da Pierre Savelli, Sindaco di Bastia. Infine, Gabriel Diana, scultore italo-franco-corso, nominato nel 2006 "Cavaliere della Repubblica Italiana" è stato scelto dalla famiglia Lota e dalla Corsica Ferries, per la realizzazione dell’opera donata alla città, in ricordo di Pascal Lota.
Share:

mercoledì 14 giugno 2017

Sanlorenzo, fatturato 2016 a 314 mln, +42%

GENOVA - Sanlorenzo chiude il 2016 con un fatturato di 314 milioni di euro, +42% rispetto ai 220 milioni del 2015. E' il primo cantiere ad aver superato il fatturato 2008 pre-crisi. Si tratta, dicono i responsabili del cantiere di "un traguardo unico nel panorama nautico mondiale, che ha spinto l'azienda a decidere di investire 60 milioni per l'incremento della capacità produttiva nei prossimi due anni, 20 milioni per la progettazione di 8 nuovi modelli, 40 per l'espansione dei due impianti produttivi di Ameglia e La Spezia".

Sanlorenzo, si legge in una nota, ha registrato nel corso degli anni Duemila una crescita costante che, con un tasso medio del 18,7%, gli ha permesso di scalare le classifiche mondiali attestandosi ai vertici nella produzione di yacht oltre i 24 metri. L' Ebida ammonta a 25,4 milioni (+21% rispetto al 2015) ottenuti grazie a una crescita della produzione con 28 yacht e 5 superyacht venduti nel 2016.

Quest'anno i dipendenti Sanlorenzo hanno raggiunto un incremento del premio di produzione del 40%, in linea con l'aumento del fatturato 2016 sul 2015.
Share:

Archivio blog