venerdì 24 marzo 2017

Maritime English: primo corso Ignazio Messina & C. - Fondazione Accademia Italiana Marina Mercantile

GENOVA - Nato da un’intesa fra la Fondazione Accademia Italiana Marina Mercantile e il gruppo armatoriale Ignazio Messina & C., si è concluso a Genova il primo corso di “inglese marittimo” con la consegna dei diplomi ai partecipanti del corso finalizzato a costruire una conoscenza di base della lingua inglese fra i sottoufficiali e marittimi “comuni” a bordo delle navi battenti bandiera italiana.

L’esigenza di questa preparazione linguistica affonda in precise motivazioni di sicurezza che travalicano la semplice e formale applicazione delle convenzioni internazionali e dei regolamenti. Si tratta in fatto di migliorare le conoscenze comuni di base degli equipaggi che consentano la comunicazione e facilitino la comprensione anche e specialmente in situazioni di emergenza.

Nel progetto ideato dal team della Ignazio Messina & C. con l'ausilio dell'Accademia Marina Mercantile sono analizzati tutti gli aspetti che possono in qualche modo influire sull’intervento formativo quali l’alternarsi di periodi di lavoro a bordo e periodi di riposo a terra, l’attività lavorativa delle singole qualifiche coinvolte, i compiti assegnati in caso di emergenze a bordo, il livello di scolarizzazione, la provenienza geografica sino al grado di abilità nell’utilizzo dei moderni strumenti elettronici.

La metodologia di insegnamento è ispirata alla massima semplicità e al coinvolgimento attraverso un'attività ludica. Si tratta, infatti, di un gioco basato su una sorta di case history ambientate sulla nave volto al riconoscimento di situazioni e attrezzature riconducili al luogo di lavoro, gioco al quale partecipare con livelli di difficoltà successivi sino all’acquisizione di una conoscenza dei vocaboli, dei verbi e della costruzione semplice della frase in lingua inglese, tale da garantire in caso di comunicazione a bordo fra lavoratori la comprensione del concetto espresso in termini di massima efficacia e sicurezza.

Redatto per la prima volta, il progetto ha ottenuto un contributo di fondi comunitari (€ 100.000) messi a disposizione tramite bando grazie all'impegno assicurato dall'Assessore alla Comunicazione, Formazione, Politiche giovanili e Culturali della Regione Liguria. Si è concretizzato in tre corsi con 15 partecipanti ciascuno e rappresenta anche il primo esperimento di formazione a distanza nel settore mare.

Alto il gradiente registrato tra i partecipanti che hanno colto l'opportunità non solo di accrescere le proprie competenze lavorative ma di sviluppare anche uno strumento di comunicazione per la vita di tutti i giorni; per la società un ottimo risultato che vede accrescere il valore del capitale umano del personale di bordo anche in quelle mansioni più operative ma fondamentali per la conduzione efficiente e in sicurezza della nave.

Share:

giovedì 23 marzo 2017

Tirrenia: sulle navi i supereroi dei fumetti

I supereroi campeggeranno sui traghetti. La Sharden sarà la prima delle navi Tirrenia che indosserà un 'nuovo abito', quello di Batman. Le nuove navi con i supereroi DC nascono grazie alla partnership fra il Gruppo Onorato Armatori e Warner Bros.

Consumer Products. Sulla Sharden le due fiancate saranno una diversa dall'altra: da una parte il Dinamico Duo Batman e Robin, dall'altra Batman con il suo nemico storico, Joker. È solo l'inizio del restyling. Dopo la Sharden, ad aprile sarà la volta della nave Nuraghes.

Nel 2018 cambieranno invece livrea Janas, Bithia e Athara, l'anno successivo sarà la volta della Vincenzo Florio e della Raffaele Rubattino. I supereroi DC saliranno anche a bordo e animeranno le nuove sale giochi delle navi, per la gioia dei piccoli passeggeri e delle famiglie.

Share:

mercoledì 22 marzo 2017

Porto di Viareggio, investimenti per oltre 3,4 mln

VIAREGGIO - Sono in tutto quattro i principali interventi che saranno effettuati nel corso del 2017 all'interno del porto di Viareggio: la nuova banchina commerciale, la cabina di trasformazione elettrica, la fognatura bianca lungo la diga foranea e i lavori di manutenzione straordinaria al molo, per un investimento totale di oltre 3 milioni e 400mila euro interamente finanziato dalla Regione Toscana. Con il via libera del Comitato portuale alla previsione di bilancio 2017-19 dell'Autorità portuale regionale, sono stati definiti gli investimenti che saranno portati avanti nell'anno in corso. Il Comitato ha approvato l'atto all'unanimità, in uno spirito di piena collaborazione tra Regione, Autorità portuale e Comune.

"Un investimento importante per Viareggio - commenta l'assessore regionale a trasporti e infrastrutture Vincenzo Ceccarelli - fatto in un momento non semplice per le finanze regionali, a conferma dell'attenzione della Regione per i porti regionali e per la costa in genere. Ora l'Autorità Portuale Regionale potrà dare il via ai lavori. In particolare la realizzazione della banchina commerciale e la realizzazione di adeguati servizi alle banchine pubbliche per le imbarcazioni, potranno migliorare sensibilmente l'attrattività del porto sia in termini turistici, per l'uso croceristico, sia in termini imprenditoriali. In questo contesto mi sembra importante la decisione del comune di tornare ad essere la stazione appaltante per la realizzazione del mercato ittico e i nostri uffici sono pronti a fornire piena collaborazione".
Share:

martedì 21 marzo 2017

Gnv raddoppia i collegamenti Termini-Civitavecchia

PALERMO - Importante annuncio oggi di GNV del raddoppio della linea Civitavecchia -Termini Imerese nel corso di un evento tenutosi a bordo della M/n Splendid. "Il collegamento Civitavecchia - Termini Imerese rappresenta per noi un'occasione per sviluppare la nostra presenza in una realtà portuale in crescita, alternativa strategica per i collegamenti merci e passeggeri della Sicilia orientale - ha detto Matteo Catani, amministratore delegato di GNV - Questa è una linea che ha mostrato di essere apprezzata e siamo certi che ci sia l'interesse da parte di tutti gli operatori di poter fare affidamento su un servizio giornaliero, che rappresenta un elemento estremamente interessante anche per la Sicilia Orientale: siamo felici di poter rispondere positivamente alle richieste di un mercato che da anni ci conosce, ci apprezza e ci sceglie".
Share:

lunedì 20 marzo 2017

E' boom crociere, ma in Mediterraneo resta rischio terrorismo

NAPOLI - Prosegue senza sosta il boom mondiale delle crociere e globalmente sono in costruzione 74 grandi navi da crociera che saranno varate nei prossimi dieci anni, con investimenti per 50 miliardi di dollari (46,5 miliardi di euro) da parte delle compagnie. Ma permane la difficile situazione geopolitica mondiale a preoccupare le compagnie e gli operatori del settore. Sono questi i temi emersi dal Seatrade Global di Miami, il più importante evento mondiale dedicato alle crociere, che ha visto in primo piano le destinazioni del Mediterraneo, che si confermano, insieme ai Caraibi, le preferite dai turisti internazionali.

"Mai nella storia c'era stato un così massiccio ordine di costruzione di navi da parte dell'industria crocieristica. Questo è un impegno delle compagnie su investimenti a lungo termine che viene dal brillante futuro che abbiamo davanti", ha sottolineato Pierfrancesco Vago, presidente esecutivo della Msc Crociere in dichiarazioni alla stampa Usa. Il motivo degli investimenti è il mercato in continua crescita: nel 2017, 25.3 milioni di persone faranno una crociera, 800.000 in più rispetto al 2016, come riportato dall'Associazione Internazionale delle Linee Crocieristiche, ma la crescita non si fermerà, visto che le crociere sono una nicchia di mercato che hanno penetrato appieno solo il 4% del mercato dei potenziali turisti mondiali. Sul Mediterraneo continua a pesare l'instabilità di destinazioni che le compagnie crocieristiche hanno abbandonato per il rischio terrorismo e per ora non sapranno se potranno riprendere, come Libia, Egitto, Turchia e Tunisia. "Ogni mattina mi sveglio e non trovo titoli rassicuranti sui giornali", spiega Frank Del Rio, ad della Norwegian.

E così al Seatrade è stata molto forte la promozione delle destinazioni mediterranee. In prima fila l'Italia, con i porti di Napoli e Salerno che si sono presentati per la prima volta uniti dopo la riforma delle autorità portuali, e che puntano a recuperare passeggeri dopo il forte calo che sarà registrato in quest'anno. Forti anche gli investimenti del sistema portuale spagnolo che mira a raggiungere 9,5 milioni di crocieristi entro il 2020 e punta su destinazioni classiche come Barcellona e Ibiza, ma anche su nuove mete, come Bilbao e La Coruna.

Ma la Spagna è pronta anche a fare rete con altri Paesi, come ha spiegato Raimond Jaume, del porto delle Baleari: "Stiamo lanciando un progetto di alleanza per le crociere con Minorca, la Corsica, la Sardegna, Sicilia e Malta per "costruire insieme un itinerario che sta piacendo molto ai turisti".
Share:

venerdì 17 marzo 2017

Anek Lines compie 50 anni

ANCONA - Spente cinquanta candeline per la compagnia greca di trasporto e navigazione Anek, una srl di diritto italiano che fa parte del gruppo Anek A. E. ed è quotata alla borsa di Atene. Agente generale per l'Italia dell'Anek, che ha sede nell'isola di Creta, e titolare di dieci navi traghetto, festeggia l'evento ad Ancona con una serie di manifestazioni in programma dal 20 al 23 marzo. Nel porto di Ancona Anek Lines opera dal 1989 e unisce lo scalo dorico con quello di Igoumenitsa e Patrasso con navi, Olympic Champion e Hellenic Spirit. All'attività di commercializzazione dei traghetti Anek Lines in Italia e di assistenza ai passeggeri e ai camion nei porti italiani, si affianca quella di Tour Operator per la Grecia. Anek Lines Italia è ormai considerata nel mercato un punto di riferimento per il turismo verso la Grecia. Oltre all'headquarter di Ancona, Anek Lines Italia ha dal 2005 un proprio ufficio a Venezia con il quale gestisce la linea Venezia-Igoumenitsa-Patrasso.
Share:

giovedì 16 marzo 2017

Crociere, Clia: +3,4% mercato Ue 2016

MILANO - Clia ha reso noto che il mercato europeo del settore nel 2016 è cresciuto del 3,4% rispetto al 2015. I Paesi a maggior traino restano Germania e Gran Bretagna. Il numero complessivo di passeggeri nel 2016 è stato pari a 6,7 milioni. L'Italia, che pure ha registrato un lieve calo rispetto all'anno precedente, rimane il terzo mercato a livello europeo, con 751mila passeggeri, pari all'11% del mercato complessivo.

"Questo leggero calo va comunque considerato nell'ambito di un trend positivo che dura dal 2013 - ha commentato il direttore di Clia in Italia Francesco Galietti - nonostante i problemi connessi alla crisi economica e quelli derivanti dal passaggio delle grandi navi a Venezia".

Secondo Clia, nel 2015, dal punto di visto economico l'industria delle crociere ha contribuito a livello europeo in questi termini: 360.571 posti di lavoro, un giro d'affari complessivo pari a 41 mld.
Share:

Archivio blog