giovedì 26 settembre 2019

Costa Crociere: gruppo genera un impatto in Italia di 3,5 mld


GENOVA - Secondo uno studio gruppo realizzato da Deloitte, Università di Genova e Amburgo e presentato al Salone Nautico di Genova, Costa Crociere contribuisce all'economia europea con 12,6 miliardi di euro e la creazione di oltre 63 mila posti di lavoro. In Italia l'impatto economico generato è di 3,5 miliardi e circa 17 mila posti di lavoro. In Liguria, la regione che trae i maggiori vantaggi dalla presenza del gruppo, l'impatto economico arriva a 511 milioni e oltre 3.200 posti di lavoro.

"I dati sono relativi al 2018, quindi per il 2019 con l'arrivo di Costa Fortuna a Genova e della nostra ammiraglia Costa Smeralda a Savona i numeri saranno ancora migliori" sottolinea il Dg di Costa Crociere Neil Palomba. A Genova nel 2018 Costa Crociere ha generato un impatto economico di oltre 280 milioni con più di 1.800 posti di lavoro.

A Savona 125 milioni e 700 posti di lavoro. La parte più rilevante della "ricchezza" creata sul territorio è legata alla costruzione delle nuove navi, che porta circa 4,5 miliardi e oltre 20 mila posti di lavoro. Poi c'è la spesa degli ospiti ad ogni tappa nei porti europei toccati nelle crociere, circa 74,60 euro a passeggero. "Ogni euro speso dal nostro gruppo, dai nostri ospiti o dal nostro equipaggio genera un effetto moltiplicatore, creando un circolo virtuoso che trasforma l'economia del territorio" spiega Palomba. E lo studio cerca di quantificare questo valore, considerando anche l'impatto indiretto, cioè le spese sostenute dagli oltre 10mila fornitori e partner del gruppo. Italia e Germania guidano la classifica dei Paesi europei in cui Costa genera il maggior valore. La Liguria fa la parte del leone visto che la sede del gruppo si trova a Genova, a Savona c'è l'home port principale del marchio, e le crociere scalano anche La Spezia. Senza contare il centro di formazione di Arenzano.
Condividi:

0 commenti:

Posta un commento

Archivio CN