mercoledì 8 luglio 2020

Fincantieri: acquisita maggioranza Support Logistic Services


Fincantieri, attraverso la propria controllata Insis, ha acquisito una quota di maggioranza del capitale di Support Logistic Services (SLS), società con sede a Guidonia Montecelio (Roma), specializzata nella realizzazione, installazione e manutenzione di sistemi di comunicazione satellitare, sistemi radar e di comunicazione radio, per applicazioni in ambito militare e civile. L'operazione si inquadra nell'ambito del potenziamento delle attività del Gruppo nei settori ad alto contenuto tecnologico ed è coerente con il disegno di sviluppo della propria Divisione Electronics, Systems & Software, recentemente costituita, la cui principale finalità è quella di valorizzare e far crescere il proprio potenziale innovativo sul mercato. SLS è riconosciuta per la qualità dei prodotti e delle soluzioni che offre, nonché per l'elevato livello di servizio che può garantire, caratteristiche che le hanno consentito di creare e mantenere un solido portafoglio clienti in un mercato complesso e frammentato. La società, che ha registrato nel 2019 ricavi pari a circa 9 milioni di euro, che si prevedono in crescita per l'anno in corso, impiega complessivamente 35 persone, di cui circa il 50% sono ingegneri, sistemisti, progettisti e tecnici specializzati. "L'operazione - ha affermato l'ad di Fincantieri, Giuseppe Bono - si inserisce nella nostra strategia di più ampio respiro volta a consolidare e tutelare una filiera composta da piccole e medie imprese che, sotto il coordinamento della nostra divisione dedicata, potranno mantenere autonomia operativa e attitudine imprenditoriale, trattenendo così al loro interno risorse chiave, in un'ottica di rafforzamento del bacino di competenze del Gruppo stesso". Il closing è soggetto alle consuete condizioni previste per questo tipo di operazioni, nonché al mancato esercizio della golden power da parte del Governo italiano e all'ottenimento delle autorizzazioni delle autorità competenti.
Condividi:

martedì 7 luglio 2020

Blue economy summit: è record con oltre 50 mila connessi


GENOVA - Parte alla grande la prima edizione digitale del Blue economy summit a Genova che ha chiuso con un bilancio da record: 50 mila persone raggiunte dalle piattaforme web e dai partner televisivi durante i 5 giorni della manifestazione. Con 145 relatori e 48 fra sponsor e partner istituzionali, il summit sull'economia del mare ha fatto il punto della situazione del comparto, alle prese con la crisi post emergenza sanitaria e, a Genova, dei cantieri autostradali. A Genova le aziende che operano nell'ambito della blue economy rappresentano l'8,4% del tessuto imprenditoriale locale e generano un valore aggiunto di 3,4 miliardi di euro, dicono i dati di Unioncamere.

"Noi vediamo un unico sistema porto-città, mirato allo sviluppo economico del territorio. Riteniamo perciò fondamentale rafforzare anche la digitalizzazione dei processi portuali nell'ottica di una sempre maggiore integrazione tra porto e città - commenta l'assessore comunale allo Svilupo economico, portuale e logistico, Francesco Maresca -. Questa edizione è stata un'occasione importante per focalizzarci sui punti strategici che rielaboreremo in un "libro blu" da proporre a livello nazionale per concretizzare tutti gli spunti emersi nei convegni e promuovere la blue economy che rappresenta come indotto il 3,5% del pil nazionale».
Condividi:

lunedì 6 luglio 2020

Sicurezza a bordo: Msc Crociere crea super team ‘Blue Ribbon COVID Expert Group’


GINEVRA – MSC Crociere, da quando ha deciso di sospendere temporaneamente le proprie crociere a causa dello sviluppo della pandemia globale, ha lavorato senza sosta per lo sviluppo di un nuovo protocollo operativo per la salute e la sicurezza da attuare alla ripresa delle attività.

Dopo aver istituito una task force inter-funzionale composta da esperti in house nei settori dei servizi medici, sanità pubblica e servizi igienico-sanitari, servizi alberghieri, HVAC (riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell'aria), sistemi di ingegneria di bordo e tecnologia informatica e logistica, MSC Crociere si è avvalsa anche del supporto di un gruppo di esperti dell’Aspen Medical per implementare ulteriormente il suo protocollo per la salute e la sicurezza.

“Oggi sono lieto di annunciare che il lavoro della nostra task force sarà ulteriormente supportato dalla formazione e dall'impegno del ‘Blue Ribbon COVID Expert Group’, un super team di esperti per la verifica dei protocolli di sicurezza, la pianificazione delle attività e una consulenza specializzata per aumentare le conoscenze sul tema” ha dichiarato Pierfrancesco Vago, Executive Chairman di MSC Cruises. "Si tratta di massimi esperti nei settori della medicina, della sanità pubblica e delle discipline scientifiche correlate che formeranno un team altamente qualificato e riconosciuto a livello internazionale per informare e rivedere le nostre iniziative in relazione al COVID-19, contribuendo così a garantire che le azioni intraprese siano appropriate, efficaci e in linea con le migliori pratiche scientifiche e sanitarie disponibili. Per questo motivo, il gruppo di esperti avrà il compito di riesaminare le policy, le innovazioni tecniche o le misure operative relative al COVID-19. Le attività del gruppo continueranno ben oltre la ripresa delle nostre operazioni, assicurando così che le competenze e le pratiche acquisite siano sempre a disposizione anche a seguito dell’evolversi della situazione e dei dati".

Il team di esperti  è stato formato personalmente dall’Executive Chairman della Compagnia e comprende: il professor Christakis Hadjichristodoulou, docente di igiene ed epidemiologia presso la facoltà di medicina, Facoltà di scienze della salute (nonchè Vice Presidente), dell’Università della Tessaglia, Grecia; il professor Stephan J. Harbarth, epidemiologo e specialista in malattie infettive a capo del programma di gestione antimicrobica degli ospedali universitari di Ginevra (HUG) e della facoltà di medicina; il dottor Ian Norton, specialista in medicina d'emergenza con qualifiche post-laurea in Chirurgia, salute internazionale e medicina tropicale, attualmente amministratore delegato di Respond Global, già capo del programma di iniziative per le squadre mediche d'emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dal 2014 a gennaio 2020.

“Sin dai primi giorni in cui abbiamo sviluppato il nostro nuovo protocollo operativo per la salute e la sicurezza, ci siamo confrontati continuamente con le istituzioni pubbliche locali, regionali e nazionali e con le autorità sanitarie in Europa, Stati Uniti, Brasile e Cina, sia direttamente sia attraverso l'associazione CLIA. A tal proposito contatti costanti sono stati mantenuti con le autorità a livello dell'UE responsabili della salute pubblica, in relazione alle attività delle navi da crociera. Ciò ha recentemente portato all'emissione, tra l'altro, delle linee guida provvisorie dell’EU Healthy Gateways che le autorità sanitarie nazionali di tutto il continente stanno attualmente rivedendo” ha commentato Bud Darr, Executive Vice President per la politica marittima e gli affari governativi del Gruppo MSC. "Attualmente, il nostro focus riguarda il lavoro che intraprenderemo nella prossima fase con le autorità - tra cui sono compresi i responsabili della sanità, dei trasporti e del settore marittimo - nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo mentre è in corso l’analisi delle più recenti linee guida a livello UE e internazionali nel tentativo di incorporarle nelle normative locali vigenti. Grazie al miglioramento della situazione sanitaria a terra e al ritorno dei viaggi da parte dei cittadini, attualmente prevediamo una potenziale ripresa delle operazioni di crociera a seguito della riapertura ormai quasi completata di altre attività di viaggio e di svago“.

Il nuovo protocollo operativo di MSC Crociere - i cui dettagli saranno resi noti a breve - è stato progettato per soddisfare e superare le linee guida fornite dai principali enti normativi e tecnici internazionali e regionali tra cui l'Organizzazione mondiale della sanità, l’EU Healthy Gateways Joint Action e l'Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA), nonché le normative stabilite da molti governi nei paesi in cui operano le navi MSC Crociere.

"A tal fine, abbiamo anche incaricato una società di classificazione marittima specializzata di fornire una verifica da parte di terzi per valutare se i nostri protocolli e le procedure soddisfino le linee guida stabilite a livello UE" ha concluso Bud Darr.

Con il nuovo protocollo di salute e sicurezza, MSC Crociere si è impegnata a garantire la sicurezza di tutti i passeggeri in ogni momento del viaggio, dalla prenotazione all'imbarco, inclusa l’esperienza a bordo e fino al ritorno a casa, garantendo un’esperienza unica.

MSC Crociere ha potuto contare sulla sua task force interna globale per sviluppare e rivedere sin dall'inizio i protocolli e le misure esistenti. La Compagnia ha iniziato a prevedere misure sempre più rigorose dall'inizio della crisi - a fine gennaio - implementando rigorosi protocolli, che ha costantemente migliorato per proteggere la salute e la sicurezza degli ospiti e dell'equipaggio, lavorando al contempo per consentire a tutti i membri dello staff di rientrare a casa. Questo approccio precauzionale finalizzato a proteggere gli ospiti e l'equipaggio è al centro di tutte le attività che MSC Crociere porta avanti quotidianamente anche con il coinvolgimento del gruppo di esperti.

Condividi:

venerdì 3 luglio 2020

Costa prolunga stop sino al 15 agosto 2020


GENOVA - Costa annuncia un'ulteriore pausa per tutte le sue crociere fino al 15 agosto 2020 e la cancellazione di tutte le crociere nel Nord Europa per il resto della stagione estiva 2020. La decisione è legata all'incertezza sulla riapertura graduale dei porti alle navi da crociera e alle restrizioni che potrebbero essere ancora in atto per i movimenti di persone a causa della pandemia globale di Covid-19. La Compagnia comunica inoltre la cancellazione di tutte le future crociere di Costa Victoria.

Costa sta provvedendo ad informare sia gli agenti di viaggio, sia i clienti interessati dai cambiamenti ai quali verrà garantita una riprotezione secondo quanto stabilito dalla normativa applicabile, che offre la maggiore garanzia in questa situazione di contingenza.

Nel frattempo, Costa sta lavorando a fianco di tutte le autorità competenti per definire i protocolli sanitari per una potenziale ripresa delle crociere il più presto possibile.
Condividi:

giovedì 2 luglio 2020

Coronavirus: Ue pubblica linee guida per crociere


L'Ue attraverso il programma EU Healthy Gateways ha pubblicato le linee guida per la ripartenza delle crociere durante l'emergenza covid-19. Tra le misure si invitano le compagnie delle crociere a monitorare costantemente la situazione della diffusione della pandemia e le misure di restrizione nei diversi Paesi, prima di intraprendere un viaggio.

Ogni nave da crociera dovrebbe avere a bordo un piano scritto per gestire eventuali casi di covid-19, accordarsi con i porti perché siano predisposti servizi di ambulanza e pronto intervento per passeggeri che ne abbiano necessità, assicurarsi con i porti che sia possibile organizzare rimpatri e cambi di personale della nave.

Inoltre, le navi prima di intraprendere il proprio viaggio devono organizzare un piano per garantire alloggi per pazienti in quarantena nei porti che incontreranno lungo il tragitto, avere disponibilità di test a bordo e formare adeguatamente il personale per l'emergenza. Le compagnie devono ridurre personale e passeggeri per assicurare il distanziamento fisico per evitare il contagio e devono obbligatoriamente comunicare qualsiasi caso di Covid-19 a bordo.

Infine, EU Healthy Gateways supporterà le autorità nazionali per ispezioni a bordo delle navi con lo scopo di verificare che tutte le misure per la salute pubblica siano rispettate. Clia, l'associazione internazionale dell'industria crocieristica, ha accolto con soddisfazione la pubblicazione del vademecum.
Condividi:

martedì 30 giugno 2020

Msc World Europa: cerimonia della moneta a Saint-Nazaire


SAINT NAZAIRE – Si è svolta presso i cantieri navali di Chantiers de l'Atlantique a Saint-Nazaire, in Francia, la tradizionale “Coin Ceremony” di MSC World Europa, la prima nave di MSC Crociere alimentata a GNL (Gas Naturale Liquefatto), il combustibile fossile più ecologico al mondo.
La nuova unità, con una stazza lorda di oltre 200.000 tonnellate, entrerà in servizio nel 2022 e sarà una delle navi da crociera alimentate a GNL tecnologicamente ed ecologicamente più avanzate al mondo.

Le madrine della cerimonia sono state Zoe Africa Vago, figlia di Alexa Aponte-Vago e dell’Executive Chairman di MSC Cruises Pierfrancesco Vago, e Aurore Bezard, del Dipartimento Risorse Umane di Chantiers de I'Atlantique, in rappresentanza rispettivamente dell'armatore e del costruttore. Come da tradizione durante la cerimonia sono state posizionate due monete dentro la chiglia, un gesto di benedizione e buona augurio per la navigazione con radici storiche antichissime.

“MSC World Europa è un'ulteriore segno tangibile del nostro impegno verso l’ambiente, come dimostra anche la maggiore riduzione delle emissioni di carbonio della nave rispetto a molte altre navi da crociera esistenti alimentate a GNL” ha dichiarato Pierfrancesco Vago, Executive Chairman di MSC Cruises. “MSC World Europa è infatti al momento la nave più ecologica tra quelle attualmente esistenti. Con questa nave riconfermiamo anche la volontà di continuare ad investire in tecnologie ambientali di ultima generazione per raggiungere, nel lungo periodo, l’impatto zero delle nostre operazioni.


“Siamo orgogliosi di inaugurare la costruzione di una nave che fisserà gli standard per le crociere del futuro” ha affermato Laurent Castaing, General Manager di Chantiers de l'Atlantique. “Si tratta di una vera e propria pietra miliare nella storia della nostra cooperazione ventennale con MSC Crociere, che ha già visto la realizzazione di alcune delle navi da crociera più innovative mai costruite.”

MSC World Europa sarà dotata anche di un nuovo sistema da 50 kilowatt che incorpora la tecnologia delle celle a combustibile a ossido solido (SOFC) per la conversione dell’energia chimica del GNL in elettricità e calore. È la prima volta che una nave da crociera utilizza celle a combustibile alimentate a GNL. Ciò consentirà di ridurre ulteriormente le emissioni di gas serra di circa il 30% rispetto a un motore GNL convenzionale, senza emissioni di ossidi di azoto, ossidi di zolfo o particelle sottili. Questa soluzione offre anche il vantaggio di essere compatibile sia con il GNL, che con altri carburanti a basse emissioni di carbonio.

MSC World Europa sarà inoltre dotata di un sistema di trattamento delle acque reflue di nuova generazione che supera alcuni dei più severi standard normativi del mondo, e di altre tecnologie ambientali all'avanguardia.


A Saint-Nazaire è in costruzione anche la prossima ammiraglia di MSC Crociere, MSC Virtuosa, che sarà consegnata il prossimo anno. La Compagnia ha anche altri ordini in essere con Chantiers de l'Atlantique per altre navi alimentate a GNL della classe World e della classe Meraviglia.

MSC World Europa in numeri:

Anno di consegna: 2022
Stazza lorda: oltre 200.000 tonnellate
Lunghezza: 333,3 metri
Larghezza: 47 metri
Altezza: 68 metri
Condividi:

lunedì 29 giugno 2020

Ferretti, nuova ammiraglia da 100 piedi


GENOVA - Nasce in casa Ferretti un progetto che rimodula gli spazi e cambia il modo di vivere la barca: così la compagnia leader nella cantieristica presenta la nuova ammiraglia, lunga 100 piedi, la più grande mai costruita dal cantiere. Alla base del progetto, spiega in una nota il cantiere, l'idea di massima dimensione del comfort sia negli spazi esterni che interni, "dove domina l'essenza del gusto Made in Italy, il design, sobrio e sofisticato, caratterizzato da geometrie pulite e materiali ricercati".

Il nuovo progetto è frutto della collaborazione tra il Comitato Strategico di Prodotto presieduto dall'Ing. Piero Ferrari, il Dipartimento Engineering Ferretti Group, l'architetto Filippo Salvetti per gli esterni e lo studio Ideaeitalia per il nuovo concept degli interni. Le forme esterne riprendono la filosofia progettuale inaugurata con gli ultimi modelli della gamma: linee sportive dominano il profilo, con nuove potenze laterali in cristallo a poppa e a centro barca. Notevole è la presenza del teak, che dalla spiaggetta di poppa è ripreso sulla curvatura del portellone, sui camminamenti e sulle scale di accesso al flybridge, fino a rivestire la plancia di comando esterna.

Ferretti Yachts 1000, inoltre, per la prima volta nella storia del brand, presenta un largo utilizzo del carbonio.Carattere distintivo del percorso intrapreso con il nuovo studio Ideaeitalia è la possibilità di scegliere tra due mood di interior: uno classico, dai toni morbidi, tradizionali e dai contrasti leggeri, e uno contemporaneo, ispirato a dettagli più urbani e moderni con colori decisi.Ferretti Yachts 1000 reinterpreta il concetto di poppa: 40 m² di spazi vivibili, al pari di un superyacht. Il garage può ospitare un tender Williams Sportjet 445, una moto d'acqua e perfino 2 Seabob. Fiore all'occhiello del progetto è poi la cucina multifunzionale, grande 10m² e fornita di ogni accessorio. Il nuovo yacht raggiunge i 28 nodi di velocità massima e 24 nodi di velocità di crociera (dati preliminari).
Condividi:

Altre news

Archivio CN