venerdì 24 gennaio 2020

Osservatorio Ticketcrociere: "Mediterraneo rallenta in 2020"

GENOVA - È un anno che a livello mondiale promette record per le crociere. Lo ha ribadito Clia, l'associazione internazionale dell'industria crocieristica: nel 2020 sono previsti 32 milioni di crocieristi, mai così tanto. Ma secondo i dati relativi alle proprie prenotazioni diffusi dall'Osservatorio Ticketcrociere - l'agenzia di viaggi leader in Italia nella vendita di crociere online - per quanto riguarda il mercato italiano si registra una leggera flessione delle prenotazioni sul 2020, con l'advanced booking in ritardo. Un calo di passeggeri intorno al 4%, anche se gennaio sta mostrando un'accelerazione.

"Il vento sta cambiando, nonostante un inizio difficile, in salita - spiega Matteo Lorusso, system administrator & social media manager di Ticketcrociere - Il gap iniziale di gennaio è stato colmato in pochi giorni e i numeri sono in crescita rispetto a gennaio 2019: passeggeri al +12% e cabine prenotate al +9%. La previsione sul 2020 invece al momento paga la flessione del Mediterraneo". E in effetti il Mediterraneo registra il primo calo sul mercato italiano dopo anni di crescita: per il 2020 è al -7%, mentre continuano a crescere destinazioni come il Medio Oriente (+48%) e tornano in auge i Caraibi al +16%.

"Il settore è vivace e di sicuro ci darà soddisfazioni anche quest'anno, ma una riflessione va fatta - aggiunge Lorusso - Le navi che solcano il nostro mare (e non solo) sono aumentate e adesso deve crescere in maniera considerevole anche il numero complessivo dei crocieristi italiani, non si può contare solo su coloro che viaggiano regolarmente. La sfida delle compagnie di crociera, e anche nostra ovviamente, è intercettare nuovi pubblici, spostare fette di mercato".

Ma dove andranno i crocieristi italiani nel 2020? Secondo i dati relativi alle vendite di Ticketcrociere ad oggi il Mediterraneo riscuote il 57% delle preferenze, seguito dai Caraibi al 14%, con il Nord Europa al 10% quasi alla pari con il Medio Oriente al 9%; il 3% ha scelto le Canarie e un altro 3% l'Oriente; il 2% dei passeggeri italiani andrà invece in Sud America; l'1% toccherà gran parte di queste destinazioni con il giro del mondo; infine Sud Africa (0,5%) e Nord America (0,5%). Ticketcrociere - sottolinea il comunicato - è il brand italiano di Taoticket, agenzia di viaggi online specializzata nel segmento crociere che nel 2019 ha fatto registrare quasi 20mila prenotazioni, per un volume d'affari di 18 milioni di euro. Per il 2020 l'azienda prevede una crescita del 22%, con un fatturato che toccherebbe quota 20 milioni di euro.
Condividi:

giovedì 23 gennaio 2020

Studio Msc: cabine del futuro leggeranno emozioni

GENOVA - Saranno dotate di sensori in grado di misurare la frequenza cardiaca e leggere le espressioni del viso per regolare di conseguenza luci e temperatura in base agli stati d'animo dell'ospite le nuove cabine Msc, con materiali "intelligenti" che si modificano per disegnare, come un'opera d'arte "vivente", un ambiente più coinvolgente e su misura.

Benvenuti nel turismo del futuro, disegnato dallo studio "Future of the guest experience" realizzato da Msc crociere in collaborazione con The future laboratory. Un futuro iperconnesso, che scommette sempre più su tecnologia, "subconscious design", rispetto dell'ambiente, lusso e personalizzazione. "L'industria crocieristica deve essere in grado di progettare e costruire nuove navi che possano essere considerate all'avanguardia anche tra 30 anni - ha sottolineato Pierfrancesco Vago, Executive Chairman di MSC Crociere -.

Dobbiamo quindi avere una visione forte e chiara del futuro combinandola con uno stile senza tempo, mantenendo sempre l'innovazione e i trend dei consumatori al centro della nostra ricerca. Grazie all'innovazione e al design intelligenti e all'impegno per offrire viaggi sostenibili, saremo in grado di agevolare ogni tipo di esperienza futura".

La gran mole di dati sui passeggeri coniugata alla tecnologia porterà a personalizzare sempre di più le esperienze di vacanza.

Sulle navi Msc in ogni cabina già oggi c'è l'assistente virtuale Zoe, ma è solo un passo. Il desiderio di viaggi più esclusivi, dice lo studio, in futuro vedrà crescere anche i Repurposed Resorts, in luoghi disabitati o abbandonati trasformati in destinazioni uniche "supportando e sostenendo le economie locali", come l'isola Ocean Cay MSC Marine Reserve alle Bahamas.
Condividi:

martedì 21 gennaio 2020

Giro del mondo (in nave) di 111 giorni

di BENNY MANOCCHIA – La Pacific Princess è salpata ieri sera da Los Angeles e tornera’ a LA l’undici di maggio. La societa’ Princess Cruises ha organizzato il giro del mondo per 670 persone che hanno quattro mesi a disposizione al costo di 23 mila dollari a testa. Avevano ricevuto prenotazioni da parte di 1700 amanti del mare. Ma la Princess e’ lunga soltanto 182 metri ed ha un equipaggo di 375 tra ufficiali e marinai, cosi’ gli organizzatori di questo “giro del mondo in barca” hanno ritenuto importante limitare il numero di viaggiatori. Ma a bordo non manca nulla, persino una cappella per chi desidera sposarsi in alto mare… Cinque cucine, due italiane; spa, cinema, teatro, sala massaggi, sala da ballo. Davvero c’e’ tutto quanto possa  rendere indimenticabile questa crociera che tocchera’ 38 porti in 26 nazioni di 5 continenti, per un totale di 65 mila km.

Qualche nome: Nuova Zelanda, Papeete, Zanzibar, Australia, Tailandia, sud  Africa, Inghilterra, Francia, Italia, (Venezia e Roma); passera’ 4 volte l’equatore. I dati soltanto danno il…mal di mare. Ma, interrogati alla tv alcuni momenti prima della partenza, un gruppo di uomini e donne (tra i 30 e i 50 anni) si sono dichiarati entusiasti. “Per anni mia moglie ha messo qualche dollaro nel salvadanaio, in attesa di una crociera in Europa. Ora girero’ un documentario e guadagnero’ dei dollari…”, ha detto un signore di Chicago. Una signora  di New York: “Niente soste negli aeroporti, niente voli che mettono la febbre addosso, tutto nelle cabine”.

Quasi quattro mesi a bordo. Diamine, mi stancava la traversata New York= Napoli di una settimana… Ma nel 2021, tanto per superare questo tour of the world, la Princess Cruises organizzera’ una crociera di 245 giorni. Otto mesi. Ci saranno destinazioni nuove? Non dimenticate il Polo nord.
Condividi:

lunedì 20 gennaio 2020

Msc Crociere, maxi commessa 2 mld con Chantiers de l'Atlantique per 2 navi a Gnl


MILANO (Reuters) - Msc Crociere e Chantiers de l'Atlantique hanno siglato un contratto da due miliardi di euro per la costruzione di due nuove navi alimentate a gas metano liquido (Gnl). Lo hanno comunicato le due società in occasione di una cerimonia tenutasi a Palazzo Matignon, con il primo ministro francese Édouard Philippe.

La maxi-commessa per la costruzione della terza e quarta nave 'World Class' con consegne previste rispettivamente nel 2025 e nel 2027, porta l'investimento dell'armatore italo-svizzero MSC a oltre 4 miliardi di euro a cui corrispondono oltre 30 milioni di ore di lavoro nei cantieri francesi.

La prima delle altre due navi World Class è già in costruzione a Saint-Nazaire ed entrerà in servizio nel 2022 diventando la nave più grande appartenente a una compagnia di crociera europea e la prima nave da crociera alimentata a GNL mai costruita in Francia.

Msc Crociere e Chantiers de l'Atlantique hanno inoltre esteso la loro collaborazione per il prossimo decennio con altri due accordi per la costruzione di nuove navi che utilizzano di tecnologie ambientali di ultima generazione.

I tre accordi firmati oggi rappresentano un investimento superiore a 6,5 ​​miliardi di euro.

A febbraio del 2018 Fincantieri ha firmato un accordo per l'acquisto del 50% di Chantiers de l'Atlantique ma attende ancora il via libera della Commissione Ue che ha avviato un'indagine approfondita del deal per valutare gli effetti sulla concorrenza.
Condividi:

giovedì 16 gennaio 2020

Moby SPL: al via operazione di marketing territoriale sull'Italia


MILANO - Moby spl, la compagnia del Gruppo Onorato Armatori che naviga sul Mar Baltico annuncia una serie di iniziative per festeggia il decimo compleanno di St. Peter Line, a partire da un'operazione di marketing territoriale sull'Italia. Ai turisti dei Paesi Baltici, Russia e Finlandia su tutti, verranno proposti viaggi in Italia, con le navi di Moby, Tirrenia e Toremar che li porteranno alla scoperta delle spiagge più belle di Sardegna, Sicilia, Arcipelago Toscano e Isole Tremiti, con la possibilità, sempre partendo dall'Italia, di scoprire anche le coste della Corsica.

La "campagna d'Italia", spiega Moby, è stata presentata in una conferenza stampa a Matka, il più grande evento del settore dei viaggi nel Nord Europa, che si svolge a Helsinki, con più di 1.000 espositori provenienti da 80 Paesi diversi con oltre 50.000 visitatori e quasi 20.000 professionisti del settore dei viaggi che passano per i padiglioni congressuali. In particolare per il mercato dei viaggiatori finlandesi, sono stati studiati tour durante Euro 2020, con Russia e Finlandia sorteggiate nello stesso girone, che si giocherà proprio a San Pietroburgo o per le trasferte al seguito dello Jokerit di Helsinki, la squadra di hockey su ghiaccio finlandese che gioca nella massima lega russa. Nell'attesa, per la Princess Anastasia lavori di refitting invernale, nuove strumentazioni avanzate a bordo e un rinnovamento delle cabine e degli spazi pubblici resi ancor più confortevoli.

"Festeggeremo nel migliore dei modi i dieci anni di St. Peter Line - spiega Alessandro Onorato, che della società con base a San Pietroburgo è il presidente - con un anno ricco di sorprese e iniziative. Moby spl si configurerà sempre più come un ponte fra i Paesi baltici e l'Italia, offrendo la possibilità ai viaggiatori di quei Paesi di venire anche sulle nostre coste, in un ideale gemellaggio sempre più forte e significativo, con questa campagna di promozione dell'Italia. Moby, Tirrenia e Toremar accoglieranno sul nostro mare i viaggiatori baltici, che hanno già avuto modo di conoscere il nostro stile e le nostre eccellenze su Princess Anastasia. È un cerchio che si chiude: dopo l'isola di Italia in mezzo al Baltico, portiamo il Baltico e le sue popolazioni in Italia".
Condividi:

mercoledì 15 gennaio 2020

Crociere: in aumento prenotazioni in aprile e maggio


NAPOLI - I mesi di aprile e maggio al top tra le scelte degli italiani per un break con i propri amici o con la famiglia per spezzare la quotidianità lavorativa in attesa delle vacanze estive. "La destagionalizzazione della vacanza è un trend che ormai è partito da tempo, ma nel 2019 e nel 2020 abbiamo registrato un particolare picco di prenotazioni con un incremento del 20% rispetto al passato" dice Leonardo Massa, country manager di MSC Crociere. "Le persone sono alla ricerca di una formula di vacanza non eccessivamente costosa e la formula delle crociere nel Mediterraneo risponde perfettamente a questa esigenza. Le nostre navi partono da 15 porti in tutta Italia, quindi è possibile scegliere quello più vicino alla propria città di residenza per riuscire a scoprire i luoghi più belli del Mare Nostrum senza mai dover rifare e disfare le valigie".

Secondo una ricerca di MSC Crociere, i motivi del successo delle vacanze ad aprile e maggio sono principalmente 5: clima, il minor affollamento, la fuga dalla quotidianità, i prezzi vantaggiosi, la maggiore scelta.

Quest'anno gli itinerari MSC che toccheranno Napoli ad aprile e maggio saranno 16, in crescita rispetto al 2019 e il doppio rispetto al 2018, e genereranno una movimentazione pari a 82.000 crocieristi. Un dato, si sottolinea alla società, che "conferma la centralità di Napoli nelle strategie della compagnia".

MSC Grandiosa arriverà a Napoli per la prima volta il 29 marzo 2020, mentre MSC Divina attraccherà nel porto partenopeo ogni settimana a partire dal 16 aprile, "per proseguire poi alla scoperta di luoghi suggestivi del Mediterraneo occidentale". "Le crociere in partenza da Napoli - si evidenzia - sono molto apprezzate anche dai viaggiatori stranieri che sono cresciuti negli ultimi anni anche grazie alla maggior attrattività di Napoli e della Campania come destinazione turistica".
Condividi:

martedì 14 gennaio 2020

Fincantieri: jv con Naval Group per Naviris

E' partita Naviris, la joint venture 50/50 tra Fincantieri e la francese Naval Group. La sede principale sarà a Genova ed una controllata a Ollioules, e si concentrerà su progetti bilaterali e di export. Giuseppe Bono è stato nominato presidente ed Hervé Guillou è membro del CdA. Claude Centofanti è Chief Executive Officer, ed Enrico Bonetti, Chief Operational Officer.

L'obiettivo è elaborare progetti comuni di ricerca e sviluppo per offerte in tutto il mondo. Ad avviare l'operatività di Naviris è stata la riunione del primo CdA che avvia il consolidamento della difesa navale europea in risposta alla crescente pressione dei concorrenti mondiali. Fincantieri e Naval Group, infatti, uniscono le forze per "sviluppare una nuova capacità strategica".

La jv è considerata la "naturale evoluzione della partnership storica tra due leader mondiali" ed è punto di arrivo dopo più di vent'anni di collaborazione "e traguardi di successo: negli anni '90 con il programma di cacciatorpediniere per la difesa aerea Horizon (quattro navi) e con il programma di fregate multi-missione FREMM in corso dal 2005 (venti navi). Il 30 ottobre scorso era stato annunciato ufficialmente il nome della jv.
Condividi:

Altre news

Archivio CN