martedì 18 febbraio 2020

Assoporti e Propeller: "Semplificare norme portuali"


GENOVA - "Le Autorità di sistema portuale e tutti gli operatori dei porti italiani si trovano di fronte ad un mercato in continua espansione ma in un sistema normativo molto complesso che riguarda diversi ambiti: ambiente, appalti, economia. Colgo l'occasione per lanciare l'invito a tutti i membri del cluster a lavorare insieme per una semplificazione normativa del settore". E' l'appello rilanciato dal presidente di Assoporti, Daniele Rossi, nell'incontro organizzato dal Propeller clubs nazionale, a cui hanno partecipato il comandante delle Capitanerie di porto, Giovanni Pettorino e i presidenti delle Autorità di sistema portuale, che hanno chiesto di formulare insieme alcune proposte concrete per il governo, e dei Propeller regionali.

"Abbiamo ritenuto doveroso testimoniare la nostra vicinanza per chi ogni giorno si trova a combattere con normative complicate e eccesso di burocrazia", ha sottolineato il presidente Umberto Masucci sostenendo la richiesta di semplificazione delle norme che complicano o rallentano l'attività degli scali italiani.

L'incontro è stato anche l'occasione per fare il punto sulle ricadute del Coronavirus sul versante dell'economia marittima, legate alla riduzione dei volumi di container nei porti cinesi. Secondo le stime, la riduzione sarà di 6 milioni di teu in partenza dalla Cina nel primo trimestre dell'anno, ma i numeri certi dei riflessi sul traffico dei porti italiani si potranno avere solo fra alcuni mesi.
Condividi:

Archivio CN